News   Pubblicato il 07 gennaio 2019

Costabile: Computer vs Criminali? Ecco come l’AI aiuta a migliorare la sicurezza

Costabile: Computer vs Criminali? Ecco come l’AI aiuta a migliorare la sicurezza

Siamo, dunque, entrati nell’era della fantascienza? Delle macchine che superano l’uomo e, per certi versi, lo dominano? Gerardo Costabile, CEO di DeepCyber, società specializzata in cyber threat intelligence, protection e antifraud, che ha precedentemente ricoperto ruoli di rilevo come Chief Security Officer di British Telecom e Fastweb spa e Chief Information Security Officer del Gruppo Poste Italiane, oltre che investigatore nel Gruppo Repressione Frodi della Guardia di Finanza di Milano, non ha dubbi: la risposta è no. “Perché l’intelligenza artificiale di fatto non è reale, non è sovraumana e/o identica o superiore all’uomo”, avverte. Anzi, “la componente umana è ancora predominante”. E lo sarà per lungo tempo ancora. Anche se gli algoritmi intelligenti possono fornire un aiuto, soprattutto nell’ambito della sicurezza. Per pattugliare meglio le strade delle città. Per prevenire frodi online. Per salvaguardare l’identità digitale di chi naviga sulla rete. Ecco come.

Per approfondire l'articolo cliccare sul seguente link.